LinkedIn per l’agente immobiliare: l’indispensabile social network

Digitale Immobiliare:||LinkedIn per l’agente immobiliare: l’indispensabile social network

LinkedIn per l’agente immobiliare: l’indispensabile social network

LinkedIn è il social network dei professionisti per eccellenza.

Eppure…

Eppure ancora pochissimi agenti immobiliari lo usano.

Meno colorato rispetto ad Instagram, meno intuitivo rispetto alle dinamiche di Facebook e soprattutto meno divertente degli altri social network. LinkedIn è però uno strumento fondamentale per fare business nel settore immobiliare.

Perché l’agente immobiliare dovrebbe avere un profilo LinkedIn?

L’agente immobiliare moderno oggi non può prescindere dall’avere un profilo LinkedIn per almeno 6 motivi:

  • Aiutare il proprio personal branding
  • Mettere in luce le proprie competenze
  • Creare rete con potenziali collaboratori
  • Migliorare la lead generation
  • Fare social selling
  • Migliorare il proprio posizionamento

Vediamo assieme i 5 step fondamentali per il tuo LinkedIn immobiliare:

1. Metti in luce le tue competenze con LinkedIn ottimizzando il profilo

Partiamo dal presupposto che LinkedIn non è un curriculum vitae digitale. Vedilo più come un riassunto, breve ed efficace, del tuo sito internet, ma trattalo come una landing page in modo che punti direttamente al messaggio che vuoi dare.

Ecco gli step per l’ottimizzazione del profilo:

  • Utilizza il tuo reale nome e cognome.

Punto. Non ci sono altri discorsi da fare, le persone devono riuscire a trovarti facilmente.

  • Mettici la faccia.

Per fare Linkedin immobiliare devi avere un profilo personale che parli di te. La foto dev’essere in primo piano o a mezzo busto (a colori o in bianco e nero) e deve raffigurare il più possibile il tuo essere e la tua personalità nel lavoro, riprendendone quindi atteggiamento e abbigliamento. Vietate infine  foto impersonali, di spalle o con altre persone.

Ricorda che quando commenterai (sì, dovrai farlo) sarà la prima cosa che apparirà per cui sarà l’immagine con la quale le persone ti identificheranno. Evita quindi di cambiarla spesso.

  • Headline è il tuo terreno di gioco

L’headline, la parte sottostante il tuo nome e cognome, dev’essere breve, efficace e accattivante.

Hai 120 caratteri, usali tutti. “Real estate” va bene se ti rivolgi ad un mercato estero, mentre “agente immobiliare” potrebbe non essere sufficiente. Scrivi qualcosa che caratterizzi il più possibile il tuo ambito.

  • Scrivi una biografia accattivante

Perché fai l’agente immobiliare è molto più interessante di un banalissimo “mi sono diplomato nel 1989”.

La tua biografia nella sezione “informazioni” è la tua occasione per raccontare la tua mission, perché sei speciale, perché dovrebbero scegliere te per l’acquisto o la vendita della loro casa o per creare partnership.

Inserisci qualsiasi cosa ti differenti dalla massa rendendoti un professionista unico.

  • Specifica le tue competenze

Sottolinea la tua esperienza nel mercato immobiliare, le aree in cui sei specializzato, i riconoscimenti ricevuti, le certificazioni ottenute. Tutto ciò che è in grado di raccontare le tue skill di agente immobiliare.

LinkedIn ti da la possibilità di sistemare e spostare le sezioni delle competenze come meglio credi quindi assicurati di inserirle dal più rilevante al meno.

  • Be social

Inserisci nel tuo profilo il rimando al tuo sito web e i link agli altri social network. Ma fai anche il contrario: inserisci il badge di LinkedIn nel tuo sito, nei biglietti da visita, nella firma della tua e-mail e collegai i social network tra loro.

2. Crea rete in ambito immobiliare con LinkedIn

La base di ogni strategia di LinkedIn immobiliare è costruire una rete di conoscenze. Sai bene come l’ambito locale sia il fulcro della tua attività per cui dedicati ad aumentare al massimo la tua rete nella zona.

Brutta notizia: aggiungere tutti i collegamenti suggeriti da LinkedIn non servirà a nulla. Se prima non analizzi i profili ti troverai ad avere solo molti collegamenti fuori target con doppio risultato negativo:

  • In caso di pubblicità a pagamento parte del tuo budget verrà investito (male) proprio su questi,
  • Potresti addirittura essere percepito come spammer.

Studia bene il pubblico al quale vuoi rivolgerti e cerca collegamenti interessanti per il tuo settore e la tua attività. Ricordati: non tutti sono concorrenti e non tutti sono acquirenti. Fondamentale, ad esempio, è focalizzarsi anche su quelli che sono i possibili partner della tua attività. Costruttori, notai, banche, assicurazioni, ma anche piccoli commercianti della zona. Parola d’ordine: collaborazione.

Ricordati di aggiungere sempre un messaggio personale nelle richieste di collegamento. Non solo darai una miglior immagine di te, ma, se il messaggio sarà strutturato bene, ti assicurerai di ricevere una risposta della persona a cui il messaggio è indirizzato.

Un tricks in più: LinkedIn da la possibilità di utilizzare dei tag nei collegamenti. Targettizzare i collegamenti in base all’interesse che hanno per la tua attività, alla professione o al modo in cui siete entrati in contatto è un ottimo modo per tenere traccia delle relazioni attuali o potenziali.

Ultimo ma non certo per importanza: chi è presente su LinkedIn ha una mail in vista. Conosci già l’importanza dell’email marketing nelle strategie di lead generation, giusto?

3. Crea interesse attorno alla tua professione di agente immobiliare

Il content marketing immobiliare è una strategia che invade tutti i settori: sito internet, social network, blog post, inserzioni e chi più ne ha più ne metta. E LinkedIn non è esente da queste regole.

So cosa stai pensando e la risposta è no! Non basta pubblicare le foto degli appartamenti che hai in vendita. Magari pure in bassa risoluzione o condividendo inserzioni messe in altri portali.

I contenuti su LinkedIn devono essere:

  • Originali
  • Interessanti
  • Utili
  • Condivisibili

Puoi creare blog post direttamente su LinkedIn che raccontino la tua professione, commentare notizie di settore con il tuo personalissimo tone of voice (perché ce l’hai, giusto?), condividere notizie locali e sì anche pubblicare foto di appartamenti in vendita.

E ricordati: a Google LinkedIn piace. Cercando il tuo nome e cognome sul motore di ricerca apparirà tra i primi risultati. Un motivo in più per renderlo personale e efficace e soprattutto pubblico.

4. Utilizza i gruppi LinkedIn immobiliari

Uno dei modi migliori per aumentare il numero di contatti su LinkedIn è quello di entrare a far parte di gruppi o, meglio ancora, di crearne di tuoi. Ovviamente gli argomenti devono essere attinenti alla tua tematica e alla tua area geografica di competenza.

Questo ti permetterà di condividere i tuoi contenuti con un pubblico maggiore di utenti e puntare ad ottenere nuovi lead.

L’obiettivo è semplice: diventare una voce autorevole per chi vuole vendere e acquistare casa nella tua zona. Interagisci con gli altri membri ti permetterà inoltre di migliorare la tua presenza online.

5. Lo strumento vincente del LinkedIn immobiliare? Utilizza la creatività

LinkedIn è molto meno “bacchettone” di quello che può sembrare, solo che ancora pochi lo sanno. Utilizza la creatività per differenziarti dai competitor.

Immagini accattivanti, video presentazioni, post interattivi, emoticon ben calibrate: tutto aiuterà la tua indicizzazione.

Ti sembra difficile? Contattaci, ti aiuteremo ad impostare la tua strategia di LinkedIn immobiliare!

By | 2021-03-20T16:55:55+00:00 Marzo 26th, 2021|Acquisizione Immobiliare|0 Comments

About the Author:

Copywriter e content creator. Scrivo per le persone che leggono il web ammiccando alla SEO, stendo piani editoriali meglio di come faccio con la biancheria e utilizzo la mia spiccata dote comunicativa per farmi sentire oltre lo schermo.

Leave A Comment

Scarica il Caso Studio per Agenzie Immobiliari

Abbiamo messo nero su bianco il piano di marketing digitale strutturato per una Agenzia Immobiliare.