Google My Business: l’indispensabile per agenzie immobiliari

Digitale Immobiliare:||Google My Business: l’indispensabile per agenzie immobiliari

Google My Business: l’indispensabile per agenzie immobiliari

Partiamo da un esempio. Digita su Google “agenzia immobiliare Torino”. Osserva attentamente cosa ti compare. I primi risultati che appaiono sono proprio di… rullo di tamburi… schede Google My Business! Subito sotto compaiono i siti aggregatori di risultati e solo poi arrivano quei siti che riescono a posizionarsi bene con la SEO.

Già a questo punto non dovresti più avere dubbi sull’importanza di Google My Business per le agenzie immobiliari.

Il settore immobiliare è molto competitivo (lo sai), in prima pagina finiscono un numero decisamente ridotto di risultati, ed esserci è importante. Gli altri siti si dovranno accontentare delle briciole: seconda-terza-quarta pagina, ma diciamoci la verità: sei mai andato fino alla quarta pagina? Ecco.

Tutto chiaro? Forse meglio fare un passo indietro.

Cos’è la local SEO immobiliare e perché è fondamentale?

La local SEO immobiliare è una strategia che punta a promuovere i contenuti di un’agenzia immobiliare in una specifica area geografica.

SEO, web marketing e geolocalizzazione vanno di pari passo nel mercato immobiliare moderno e una strategia accurata non può prescinderne. Sia che tu voglia pubblicizzare una casa o promuovere un servizio della tua agenzia, ragionando in ottica local, dovrai puntare su:

  • Google My Business
  • Ricerca organica classica (SEO)
  • Ricerca organica geolocalizzata (local SEO)

La local SEO immobiliare si focalizza principalmente sull’implementazione di una strategia di posizionamento organica che punti a far comparire la tua agenzia immobiliare tra i primi risultati di ricerca per far sì di massimizzare i contatti.

La visibilità online della tua agenzia immobiliare è un fattore determinante per riuscire a farti trovare nel mercato e sconfiggere la concorrenza.

La strategia di local SEO non è finalizzata solo alle piccole attività locali, ma anche alle grosse multinazionali che debbano concentrarsi su di un punto vendita preciso, ai franchising e, in genere, a tutte le realtà che hanno un collegamento con il territorio dove operano.

Che la tua agenzia immobiliare sia piccola o grande per raggiungere i tuoi obiettivi di business avrai bisogno sempre della stessa cosa: clienti che si affidino a te.

Quali sono gli scopi delle strategie di local SEO immobiliare?

La scheda Google My Business è il punto di riferimento da cui iniziare una strategia di local SEO immobiliare. In un mercato così competitivo come quello dell’immobiliare c’è una buona notizia per te: in Italia meno del 25% delle agenzie immobiliari ha registrato la propria attività su Google My Business.

Insomma un’occasione d’oro da non perdere per almeno 3 motivi:

1. Maggior visibilità nei risultati di ricerca

L’obiettivo principale è far sì che il tuo sito web immobiliare ottenga la maggior visibilità possibile per le ricerche organiche che vengono fatte dagli utenti.

Una volta che un utente atterrerà sul tuo sito starà a te trasformarlo in un cliente.

2. Controllo della reputazione digitale

Gli utenti usano Google più di quanto credi. Hai già provato a vedere se la tua agenzia immobiliare sia già presente su Google My Business? Ti stupiresti di sapere quante schede vengano create dai clienti all’insaputa dei titolari dell’attività.

Le recensioni che vengono lasciate sulla tua agenzia immobiliare, le foto e i commenti sono tutte attività che devi avere sotto controllo. Non potrai eliminare ciò che non ti piace, ma potrai incentivare i contenuti positivi o crearne tu stesso contribuendo a costruire una solida reputazione digitale della tua agenzia immobiliare.

3. Consapevolezza delle abitudini dei clienti

Lo sapevi che la pausa pranzo del giovedì è il momento in cui più utenti cercano un’agenzia immobiliare nella tua zona? Oppure che chi ha cliccato sulla tua scheda viene da una determinata zona?

Con i dati statistici di Google My Business puoi tenere d’occhio le abitudini dei tuoi potenziali clienti e magari decidere di tenere aperto il giovedì a pranzo!

Come creare la scheda Google My Business

Perché non tutte le cose belle del mondo sono a pagamento, anzi. Google My Business è uno strumento gratuito di Google che ti permette di localizzare la tua agenzia immobiliare.

Creare la scheda Google My Business è semplicissimo. In primis controlla su Google Maps se la tua agenzia immobiliare è già stata inserita da qualcuno (in tal caso dovrai utilizzare la procedura di rilevamento della proprietà).

Se non esiste ancora invece ti basterà creare una nuova attività inserendo pochi dati. Entro otto settimane ti arriverà una cartolina all’indirizzo inserito per la verificazione della location, contenente un codice da inserire all’interno della piattaforma di Google My Business.

Ora che sei ufficialmente il proprietario della scheda inizia il bello… va ottimizzata!

Ottimizzare la scheda Google My Business per le agenzie immobiliari: le 7 regole

1. Scegli con attenzione all’area geografica coperta dall’agenzia immobiliare

Puoi inserire il comune, l’indirizzo preciso, ma anche il quartiere se la tua agenzia immobiliare si trova in una grande città.

Se invece hai più filiali ti consigliamo di creare una scheda Google My Business per ogni filiale dell’agenzia immobiliare e di creare, contemporaneamente, delle pagine web di competenza specifiche per ognuna di esse.

Un consiglio: se svolgi la tua attività in un’area precisa non fare l’errore di volerti posizionare per l’intera regione o, ancor peggio, per l’intera nazione, non servirebbe a nulla in termini di local SEO.

2. Presta massima attenzione alle informazioni base

Nome dell’agenzia immobiliare, indirizzo, orari e numero di telefono devono essere precisi e… aggiornati.

Per quanto riguarda il nome dell’attività le linee guida di Google vorrebbero indicato il nome specificato nella visura camerale. Puoi anche scegliere di mettere un nome parzialmente diverso, l’importante è che sia riconoscibile, identificabile nella tua agenzia immobiliare e coerente con tutto il resto della comunicazione.

Per fare un esempio: se ti chiami immobiliare Mario Rossi, ma tutti ti conoscono come Immobiliare Rossi e anche il tuo sito è impostato con questo dominio non ci sono problemi.

E veniamo agli orari. Insieme al numero di telefono dell’agenzia immobiliare, è probabilmente il dato più cercato dagli utenti. È fondamentale segnalare gli orari di apertura e di chiusura, ma è altrettanto fondamentale che siano sempre aggiornati.

Aperture straordinarie, giornate evento e cambi improvvisi di orario devono essere repentinamente modificati. Che il cliente arrivi davanti alla porta della tua agenzia immobiliare e trovi chiuso può essere per lui una terribile scocciatura, tanto da lasciare una recensione negativa (e sappiamo quanto pesino). Al contrario se un potenziale cliente vede sulla scheda Google My Business che siete chiusi passerà all’agenzia immobiliare successiva senza farsi tanti problemi.

Un consiglio: tratta Google My Business come tratteresti tua moglie. Ritardi per cena? Avvisi! Decidi di tenere aperto una domenica per un evento particolare? Comunicalo sulla scheda della tua agenzia immobiliare.

3. Dirigi il traffico verso il sito web della tua agenzia immobiliare

Una premessa è d’obbligo e non smetterò mai di dirlo: il tuo sito web dev’essere la miglior vetrina possibile della tua agenzia immobiliare. Il sito della tua attività dev’essere accattivante, mobile friendly, ricco di contenuti e facile da usare.

Se il sito web della tua agenzia immobiliare risponde a questi requisiti è il momento di farci atterrare il traffico che merita. All’interno della scheda Google My Business infatti si può inserire un link che colleghi al sito web della tua agenzia immobiliare.

Non sempre però inserire in link alla home page può rivelarsi la strategia vincente. Se stai cercando di posizionarti sulla scheda Google My Business per un servizio specifico potrebbe essere una buona idea che il link rimandi a quello stesso servizio specifico e non ad una pagina generica dove l’utente potrebbe perdersi.

Un consiglio: guarda con occhio critico al tuo sito web, come fossi un utente esterno, o magari chiedi a qualche amico di provare a navigarlo davanti a te. Se qualcosa non funziona non lo farà neanche per i potenziali clienti.

4. Descrivi la tua agenzia immobiliare al meglio con le giuste parole chiave

La descrizione dell’attività su Google My Business altro non è che la descrizione del tuo core business. Di cosa ti occupi, quali sono i tuoi punti di forza, per quali servizi sei in prima linea.

Queste specificazioni serviranno sia a far comprendere meglio a Google di cosa effettivamente ti occupi, sia a raccontarlo in maniera efficace all’utente.

Un consiglio: I caratteri concessi nella descrizione sono limitati, usali tutti!

5. Punta sulle immagini

Sei un agente immobiliare, non serve che ti dica quanta importanza hanno le immagini nel tuo settore, giusto?

Mi limito ad un dato: le attività che inseriscono immagini all’interno della propria scheda Google My Business ricevono il 42% di richieste in più dai clienti.

Le prime immagini che appaiono dovrebbero sempre riguardare la tua agenzia immobiliare (ad es. il tuo logo, il tuo team o la tua struttura) in modo da puntare sulla riconoscibilità del tuo marchio.

Inserisci sempre immagini ad alta definizione. Sicuramente ti avvali di fotografi professionisti per svolgere il tuo lavoro, ottimizzale in ottica SEO e scegli quelle con il taglio che più si avvicini alla realtà della tua agenzia immobiliare.

Un consiglio: utilizzare qualche foto scattata con il cellulare può dare un’immagine più autentica e incuriosire il cliente, a patto che siano comunque esteticamente belle.

6. Aggiorna i contenuti della scheda Google My Business

Tasto dolente per la quasi totalità delle agenzie immobiliari. Una cosa è creare una bella pagina in Google My Business, altra è doverci stare dietro. Lo so, ma abbandonare la scheda ti farà cadere in breve nell’oblio.

Le tab post sono fatte appositamente per inserire news e informazioni aggiornate. Perché non sfruttarle? Una nuova casa in vendita potrebbe essere un’ottima occasione per inserire un breve post con una foto, una piccola descrizione e un link alla pagina di riferimento.

Un consiglio: crea un piano editoriale ad inizio mese che preveda almeno 4 aggiornamenti mensili.

7. Sfrutta le recensioni

Chi ha a che fare con un pubblico sa quanto i tanto amati clienti possano diventare terribilmente odiosi (anche per piccolezze). Nonostante questo le recensioni sono prese in gran considerazione non solo dal motore di ricerca, ma anche dagli utenti.

Ricevere recensioni positive dovrebbe essere un fattore fondamentale della strategia della tua attività immobiliare. Puoi chiedere ai clienti (solo a quelli soddisfatti, mi raccomando) di recensire positivamente il tuo operato o quello del tuo team all’interno della scheda di Google My Business. La fatica per il cliente è nulla e servirà ad aumentare la tua brand reputation (oltre a fare la media con qualche stelletta poco generosa).

Un consiglio: nella tab delle recensioni puoi creare un link da inviare direttamente ai clienti per chiedere di lasciarti una recensione. A loro non basterà che cliccare e commentare la tua agenzia immobiliare.

Vuoi pianificare Google My Business da professionista?

È gratuita, richiede poche informazioni e aiuta a posizionarti sulle prime posizioni di Google. Al contempo però necessita di aggiornamento costante e… qualche trucchetto del mestiere per ottimizzarla al meglio.

Digitale Immobiliare può aiutarti a pianificare una strategia digital che includa Google My Business.

CONTATTA DIGITALE IMMOBILIARE

By | 2021-02-02T10:47:40+00:00 Febbraio 2nd, 2021|Acquisizione Immobiliare|0 Comments

About the Author:

Copywriter e content creator. Scrivo per le persone che leggono il web ammiccando alla SEO, stendo piani editoriali meglio di come faccio con la biancheria e utilizzo la mia spiccata dote comunicativa per farmi sentire oltre lo schermo.

Leave A Comment

Scarica il Caso Studio per Agenzie Immobiliari

Abbiamo messo nero su bianco il piano di marketing digitale strutturato per una Agenzia Immobiliare.